Vaniglia Tahitensis - baccelli della Papua Nuova Guinea

Orlandosidee
80858
Da
escl. Spedizione
    Tempi di consegna:pronto per la spedizione
ACQUISTA
  • Descrizione

Vaniglia Tahitensis 16-18 cm

  • La Vaniglia Tahitensis affina gradevolmente ogni ricetta con il suo invitante gusto fruttato molto aromatico.
  • Baccelli di vaniglia Gourmet Tahitensis 16-18 cm, grado A, marrone scuro, con tasso di umidità tra il 25 e il 38%
  • Ideale per gelati , prodotti da forno, bevande calde
    Aroma fiorito, fruttato ma morbido .
  • Questa vaniglia è un ibrido naturale tra la vaniglia Tahiti dell'isola Tahiti e la vaniglia planifolia del Madagascar.

Vaniglia Tahitensis della Papua Nuova Guinea

Vaniglia tahitensis perché é offerta nel nostro negozio online? Sei uno chef, ristoratore, pasticciere, gelatiere, cuoco per hobby e sei appassionato nel cucinare con baccelli di vaniglia di alta qualità? Allora sei nel posto giusto, nel nostro negozio troverai quello che cerchi.

Conosci le differenze tra i tipi botanici di vaniglia del Mondo ?

Se pensi che puoi semplicemente comprare la vaniglia al supermercato e che c'è solo una varietà, ti aspetta una bella sorpresa. Vaniglia e pepe sono disponibili in commercio in molte varietà. Ma non preoccuparti, saremo felici di aiutarti a ottenere una panoramica.

La vaniglia e il pepe provengono da diverse parti del mondo e questo si riflette nei loro nomi e sapori. Ci sono quattro varietà ben note nella gastronomia di punta. La Vaniglia tahitiana dell'isola di Tahiti nel Mare del Sud Pacifico , la Vaniglia Bourbon del Madagascar, la vaniglia Tahitensis della Papua Nuova Guinea, e la Vaniglia Pamplona del Messico.

Cos'è la vaniglia Tahitensis?

La Vaniglia Tahitensis sono i frutti a capsula (baccelli ) fermentati delle orchidee del genere "Vanilla Tahitensis" che crescono in Papua Nuova Guinea. L'isola della Papua Nuova Guinea è la terza Nazione insulare più grande del Mondo. La pianta dell'orchidea Vanilla Planifolia, che è anche l'origine botanica della vaniglia Bourbon del Madagascar, si presume provenire dal Messico. Alla fine del XVI secolo, i marinai spagnoli portarono in Europa questi baccelli, dove si affermarono rapidamente come una spezia ricercata e molto pregiata. Allora come oggi, si usava per preparare cioccolatini, dolci e poi anche per aromatizzare il tabacco. Quest'ultimo prodotto ha smesso di utilizzare l'aroma naturale da quando é stato sostituito con la vaniglia artificiale.

Nel XIX secolo i francesi e gli olandesi portarono questa pianta di orchidea nelle loro colonie, con i francesi che per primi svilupparono un metodo di lavorazione sull'isola della Reunion intorno al 1840 per fertilizzare i fiori di questa specie di orchidea chiamata "Manuel". Da qui sono nati i primi baccelli di vaniglia detti bourbon, successivamente trasferiti nel Madagascar.

La Vaniglia Tahitensis della Papua nuova Guinea é un ibrido "moderno" creato solo da alcuni decenni. Ibrido realizzato attraverso l'incrocio botanico tra Vaniglia del Madagascar e la Vaniglia Tahiti. La caratteristica visiva é quella di una bacca più larga nella dimensione della Bourbon. Il suo profumo e aroma, é piú marcato con note fruttate che si esprimo al meglio nei gelati. Negli ultimi anni, prima della crisi produttiva locale del 2010 era la vaniglia piú utilizzata dalle gelaterie Europee. Oggi lentamente, dopo essere stata combattuta nel prezzo di mercato dalla Bourbon, riprende la sua giusta posizione nel mercato Mondiale.

Come si fanno i baccelli di vaniglia Tahitensis?

La produzione della vaniglia richiede molto tempo. Ci vogliono tre anni perché l'orchidea Vanilla-Tahitensis produca i suoi primi fiori dai quali possono crescere i baccelli di vaniglia dopo la fecondazione. Successivamente, dalla fecondazione del fiore al baccello finale, ci vuole di nuovo poco più di un anno. L'intero processo di lavorazione è interamente artigianale.

Un fiore di orchidea fiorisce solo per 48 ore e poi muore. L'impollinazione manuale può avvenire solo durante questo periodo. Per fare questo, i lavoratori nelle piantagioni, aprono con cura il fiore con uno strumento di bambù e senza schiacciare il fiore premono l'uno sull'altro lo stigma e gli stami del singolo fiore. Da questo momento in poi la bacca ha bisogno di 4-9 mesi prima che i baccelli di vaniglia siano pronti per essere raccolti. Puoi riconoscere un baccello di vaniglia maturo dal fatto che la sua punta cambia da verde a gialla. Ma è ancora assolutamente inodore. Solo durante il successivo processo di lavorazione il baccello sviluppa il suo profumo seducente.

Dopo la raccolta

Subito dopo la raccolta, i baccelli di vaniglia acerbi vanno in bagnomaria per 2-3 minuti a 70 ° C. L'acqua calda non deve superare questa temperatura in quanto potrebbe distruggere le capsule e il raccolto andrebbe perso.

Successivamente i baccelli , vengono avvolti in coperte per 2-3 giorni e conservati in scatole di legno, dove inizia la fermentazione. In questo stadio inizia a formarsi la vanillina che darà poi il tipico aroma. Per un periodo di cinque settimane i baccelli vengono posti al sole ad asciugare per 2-3 ore al giorno. Il processo di asciugatura viene chiamato anche di "sudorazione".

Conservazione della vaniglia Tahitensis

Conservate sempre i baccelli di vaniglia in luoghi freschi in un contenitore . Teneteli se possibile in un luogo buio come dispensa o un armadio. Proteggeteli dal calore eccessivo ma senza riporli in frigorifero. Dopo aver lavorato e rimosso la polpa dei baccelli, potete mettere le bacche rimanenti nello zucchero o nel sale. Questo permette di fare un delizioso zucchero vanigliato o del sale vanigliato. Altrimenti potete macinarli a polvere e utilizzarli per i dolci.

Prodotti collegati